Tariffe

Scarica subito le Tariffe per le Verifiche Periodiche di tuo interesse oppure leggi il testo integrale del Decreto:

 

Tariffe Verifiche Periodiche
Sollevamento Materiali

Scarica PDF

Tariffe Verifiche Periodiche
Sollevamento Persone

Scarica PDF

Tariffe Verifiche Periodiche
Attrezzature ed Impianti

Scarica PDF

 

DECRETO 23-11-12

Tariffe per le attività di verifica periodica delle attrezzature di lavoro di cui all’allegato VII del

decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modifiche e integrazioni

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

DIREZIONE GENERALE DELLE RELAZIONI INDUSTRIALI

E DEI RAPPORTI DI LAVORO

DI CONCERTO CON

MINISTERO DELLA SALUTE

DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL’INNOVAZIONE

DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE

E

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

DIPARTIMENTO PER L’IMPRESA E L’INTERNAZIONALIZZAZIONE

DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE,

LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA

Visto l’articolo 71, comma 11, del decreto legi slativo 9 aprile 2008, n, 81, e successive modifiche e integrazioni, di seguito decreto legislativo n, 81/2008, il quale prevede che Oltre a quanto previsto dal comma 8, il datore di lavaro sottopone le attrezzature di lavoro riportate in allegato VII o verifiche periodiche, volte a valutarne l’effettivo stato di conservazione e di efficienza ai fini di sicurezza, con la frequenza indicata nel medesimo allegato. La prima di tali verifiche è effettuata dall’lSPESL che vi provvede nel termine di sessanta giorni dalla richiesta, decorsinutilmente il quale il datore di lavoro può avvalersi delle ASL e o di soggetti pubblici o privati abilitati con le modalità di cui al comma 13. Le successive verifiche sono effettuate dai soggetti di cui al precedente periodo, che vi provvedono nel termine di trenta giorni dalla richiesto, decorso inutilmente il quale il datore di lavoro può avvalersi di soggetti pubblici o privati abilitati, con le modalità di cui 01 comma 13. Le verifiche sono onerose e le spese per lo loro effettuazione sono carico del datore di lavoro.”;
Visto l’articolo 71, comma 12, del decreto legislativo n. 81/2008, il quale prevede che “Per l’effettuazione delle verifiche di cui al comma 11, le ASL e l’ISPESL possono avvalersi del supporto di soggetti pubblici o privati abilitati. I soggetti privati abilitati acquisiscono la qualifica di incaricati di pubblico servizio e rispondono direttamente alla struttura pubblica titolare della funzione.“;
Visto l’articolo 71, comma 13, del decreto legislativo n. 81/2008, il quale prevede che “Le modalità di effettuazione delle verifiche periodiche di cui all’allegato VI/, nonché i criteri per labilitazione dei soggetti pubblici o privati di cui al comma precedente sono stabiliti con decreto del Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, sentita la Conferenza permanente per i rapporti tro Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, da adottarsi entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto.”;
Visto l’articolo 7, comma 1, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito in legge 30 luglio 2010, n. 122, il quale prevede la soppressione dell’ISPESL e la contestuale attribuzione delle relative competenze aIl’INAIL; Ritenuto pertanto che ove il decreto legislativo n. 81/2008 attribuisca competenze all’lSPESL esse debbano intendersi conferite aIl’INAIL; Visto l’articolo 3, comma 2, lettera b), del decreto ministeriale 11 aprile 2011, recante “i compensi dovuti 01 soggetto abilitato, pubblico o privato, non possono differire, in eccesso o in difetto, di oltre il 15% dalle tariffe applicate dal soggetto titolare della funzione e successivamente, dalle tariffe stabilite dal decreto di cui 01 comma 3″;
Visto l’articolo 3, comma 3, del decreto ministeriale 11 aprile 2011, recante la “Disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche di cui all’All. VII del decreto legislativo aprile 2008, n. 81, nonché i criteri per l’abilitazione dei soggetti di cui all‘articolo 71, comma 13, del medesimo decreto legislativo.”, il quale prevede che Le tariffe per le prestazioni rese ai sensi del presente decreto sono determinate con decreto del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, del Ministero della salute e del Ministero dello sviluppo economico da adottare entro 180 giorni dall’entrata in vigore del presente decreto. Fino all’emanazione del decreto trovano applicazione le tariffe definite dai soggetti titolari della funzione.”;

Decretano:

Art. 1.

  1. Le tariffe previste per le attività di verifica periodica delle attrezzature di lavoro di cui all’articolo 71, comma 11, del decreto legislativo n. 81/2008, sono riportate nell’allegato al presente decreto, che fa parte integrante dello stesso.
  2. Le tariffe sono aggiornate automaticamente ogni due anni, a decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto, sulla base degli indici ISTAT dei prezzi al consumo per famiglie di operai ed impiegati rilevati al mese che precede l’aggiornamento.
  3. Con successivi decreti del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con i Ministeri dello Sviluppo Economico e della Salute, si provvede alla revisione dell’allegato al presente decreto.

Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo alla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 23 novembre 2012

sigle decreto 23-11-2012